Craig Taborn
pianoforte, piano elettrico, tastiere

Dave King
batteria

Il ritorno di Craig Taborn e Dave King al Centro d’Arte coincide con un progetto di nuova realizzazione. “Heroic Enthusiasts”, un duo le cui trame si possono soltanto immaginare alla luce delle dense biografie di entrambi e della qualità sempre garantita anche in queste ultime stagioni.
Si immagina allora una pausa da un jazz precipuamente acustico e uno sguardo invece più ravvicinato verso una fusione con suoni elettrici, vista la strumentazione utilizzata dal pianista.
D’altra parte, la sperimentazione a tutto campo è sempre stata affrontata da Taborn e King fin dagli anni giovanili a Minneapolis, città di origine che li ha visti crescere stimolati da un eclettismo naturale nelle musiche di quella città.
I due amici hanno percorso strade parallele fino alla collaborazione in Junk Magic di Taborn, uno fra i dischi più inclassificabili degli ultimi lustri, un insieme di brani a cavallo tra idioma jazz, ritmiche ripetitive e metalliche, melodie cameristiche.
Mentre il pianista faceva brillare la sua stella sia come leader che accanto a Roscoe Mitchell, Tim Berne, Chris Potter, John Zorn, William Parker e in diversi contesti di improvvisazione radicale, Dave King proseguiva l’avventura di successo di The Bad Plus – già 18 anni di attività – fondava il suo trio nonché il gruppo Trucking Company, mettendo da parte l’estro luminoso dell’altra sua band, Happy Apple.
Taborn e King si sono ritrovati lo scorso anno per l’incisione e le conseguenti tournèe di Daylight Ghosts, quartetto di Taborn elogiato da un coro critico unanime, che offriva musiche assai originali, ricche di melodie angolari, oblique, labirintiche e di ritmi sofisticati, mobilissimi. Musiche che sintetizzano l’attuale momento creativo di questi due assi dei rispettivi strumenti.
Da una parte Taborn, la cui parsimonia realizzativa come leader – soltanto sei dischi in venticinque anni di carriera – non gli ha precluso un assoluto prestigio come strumentista, culminato nei dischi in solo e in trio editi dalla ECM. Dall’altra King, funambolo delle percussioni, a suo agio in qualsiasi contesto espressivo, capace di fluttuare dal rock al jazz per piano-trio, fino alle sonorizzazioni di spettacoli di danza e alle colonne sonore.
Dunque pianoforte, Fender Rhodes, tastiere elettroniche e batteria, per un dialogo che riassume un percorso comune iniziato dalla giovinezza e arrivato sin qui superando ogni ostacolo, soprattutto ogni barriera che tende a separare i linguaggi della musica.

(Stefano Merighi)

Ascolti

Craig Taborn
Junk Magic (Thirsty Ear, 2004)
Avenging Angel (ECM, 2011)
Daylight Ghosts (ECM, 2017)

The Bad Plus
These Are The Vistas (Columbia, 2003)

Dave King
I’ve Been Ringing You (Sunnyside, 2012)

Dave King Trucking Company
Good Old Light (Sunnyside, 2011)

Web

Video

Foto

© Alessandra Freguja