Centro d’Arte: Musica di oggi 

Da settant’anni le rassegne del Centro d’Arte offrono
occasioni per ascolti intensi, stimolanti, avventurosi

Musica di oggi, senza aggettivi, in continua trasformazione:
ogni concerto sarà una scoperta e una sorpresa

I concerti del Centro d’Arte

Blog

AACM & Tradition

È vero che l’AACM – Association for the Advancement of Creative Musicians – ha affermato la sua poetica con la radicalità del linguaggio, con la rivoluzione del timbro, con una misteriosa simbiosi tra composizione e improvvisazione, con una orgogliosa originalità.È tuttavia non meno vero che tutti i componenti dell’associazione – in primis Muhal Richard Abrams…

Leggi tutto

Viva Morricone!

Il 6 luglio 2020 ci ha lasciato, alla bella età di 91 anni, Ennio Morricone. Un talento musicale sconfinato, una fantasia melodica sbalorditiva e il gusto per l’azzardo – sempre sul filo di un’ironia spiazzante e beffarda – hanno caratterizzato una carriera esemplare e allo stesso tempo atipica, serenamente sospesa tra pop e colonne sonore…

Leggi tutto

Lonely Days

In attesa di poterci rivedere dal vivo, un abbraccio virtuale da tutto lo staff del Centro d’Arte, con un mixtape notturno e solitario insieme a Sun Ra, Suicide, Michael Formanek & Ensemble Kolossus, Booker T. & the M.G.’s, John Tchicai / Reggie Workman / Andrew Cyrille, Jack White, Jimmy Giuffre / Paul Bley / Steve…

Leggi tutto

SETTANT’ANNI DI GRANDE MUSICA

IL CENTRO D’ARTE DEGLI STUDENTI DELL’UNIVERSITÀ DI PADOVA ESISTE DAL 1945.
È NATO COME ASSOCIAZIONE DI STUDENTI APPOGGIATA DALL’ATENEO
ED È STATA IN ASSOLUTO LA PRIMA DEL GENERE IN ITALIA.

Fin d’allora il Centro d’Arte ha organizzato concerti, regolari stagioni di musica da camera che, insolitamente per i tempi, comprendevano il jazz e la musica più attuale: negli anni 50 e 60 suonano a Padova Lennie Tristano, il Modern Jazz Quartet, Chet Baker, Thelonious Monk accanto a David Tudor e Karlheinz Stockhausen. A partire dagli anni 70 il Centro d’Arte inaugura la prima rassegna stagionale di jazz in Italia (rimarrà l’unica per molti anni), quando dappertutto si organizzavano soltanto festival, e una serie di musica contemporanea unica nel suo genere, che rimescolava i generi e proponeva le musiche del momento: Terry Riley, Dieter Schnebel, George Lewis, Morton Feldman, Frederic Rzewski, David Behrman, John Zorn… questi e molti altri musicisti sono passati per Padova grazie al Centro d’Arte, suonando in tendoni da circo, teatri, club e sale cinquecentesche…