In Mixtapes

Tra gli anni ’60 e ’70 il Giappone ha vissuto una delle stagioni più entusiasmanti nel panorama jazzistico internazionale.
Al di fuori del mainstream, la scena free proponeva una visione personalissima del jazz, che mescolava l’esperienza afroamericana con suggestioni autoctone e intuizioni originali, alla ricerca di una musica nuova, unica.
Vi proponiamo una panoramica dei maggiori protagonisti di quella stagione: Masahiko Togashi, Masayuki Takayanagi, Yosuke Yamashita, Sabu Toyozumi e tanti altri.

  1. Hozan Yamamoto – Prologue (Silver World, 1970)
  2. Masahiko Togashi – Fourth Expression (Guild For Human Music, 1976)
  3. Toshiyuki Miyama & The New Herd – Canto II (Canto of Aries, 1971)
  4. Masayuki Takayanagi – Piranha (Independence: Tread On Sure Ground, 1970)
  5. Keiki Midorikawa – Harmonious Outcast (Five Pieces of Cake, 1975)
  6. Evolution Ensemble Unity – Stone Blues (Concrete Voices, 1976)
  7. Masahiko Sato – Palladium (Palladium, 1969)
  8. Yosuke Yamashita Trio – Chiasma (Frozen Days, 1974)
  9. Hideto Kanai Group – Meditation (Q, 1971)
  10. Sabu Toyozumi – Malachi’s Tune (Message to Chicago, 1974)
  11. Itaru Oki – Silkin Rain Lotus Blossom (Mirage, 1977)
Articoli recenti

Rispondi

Inizia a scrivere e premi Invio per cercare

Pin It on Pinterest