Arke Sinth

martedì 22 novembre 2016 ore 20.30 • Auditorium Pollini, Padova
Esclusiva Nazionale

Arke Sinth

Giovanni De Poli
EMS Synthi A
Marco Sambin
sax e clarinetto
Michele Sambin
sax e violoncello
Alvise Vidolin
organo, mixer

Luca Richelli
regia del suono

Nel 1973 due allievi della neonata scuola padovana di musica elettronica, Giovanni De Poli e Alvise Vidolin, si univano a due poliedrici artisti, i fratelli Marco e Michele Sambin, per formare un gruppo sperimentale che eseguiva delle partiture grafiche pensate e composte collettivamente. I loro strumenti simboleggiavano le diverse tradizioni che vi confluivano: il violoncello (musica d’arte europea), il sax (jazz), l’organo elettronico (pop) e soprattutto il sintetizzatore, nello specifico un EMS Synthi A. Quest’ultimo apparteneva materialmente a Teresa Rampazzi, che negli anni 1950-70 ebbe in quest’area georgrafica un ruolo fondamentale di animatrice e di trasmissione delle nuove esperienze musicali internazionali. La musica di Arke Sinth voleva essere qualcosa di completamente inaudito, e ci riusciva.
I quattro giovani erano, ciascuno nel suo ambito di azione, autentici sperimentatori, e coerentemente passarono presto ad altro. Se si considerano le loro carriere successive, appare ovvio che quella fu per ciascuno di loro una tipica esperienza di transizione: per De Poli, in procinto di dare vita a quello che sarà un laboratorio di computer music di rilievo mondiale -– il centro di Sonologia Computazionale dell’Università di Padova – insieme a Vidolin, più tardi prezioso e creativo collaboratore informatico-musicale e regista del suono di Berio, Nono, Sciarrino tra i tanti; per Michele Sambin, l’avvio di un fortunato e originale percorso di artista sempre sul crinale tra invenzione visuale, nuovo teatro e ricerca strumentale, mentre Marco Sambin era già allora avviato alla carriera universitaria.
Dopo pochi incontri e appena quattro occasioni pubbliche l’esperienza di Arke Sinth scomparve nel fluire vorticoso degli anni 70. Tutto era stato però scrupolosamente documentato, ed è stato dunque possibile risvegliare per la prima volta da allora un’esperienza che dimostra tutt’oggi il suo valore, non solo storico. In occasione della pubblicazione della loro musica – su vinile, per l’etichetta Die Schachtel -– dopo 43 anni i quattro di Arke Sinth si riuniscono appositamente per riproporla con la medesima strumentazione del 1973. Verranno così reinterpretate le partiture grafiche concepite collettivamente e disegnate da Michele.
Centrodarte 70 si chiude con un avvenimento davvero unico, legato alla ricca storia musicale di una Padova ben connessa alle vicende internazionali.

(Veniero Rizzardi)

•••
In collaborazione con SaMPL – Sound and Music Processing Lab
del Conservatorio di Musica “Pollini” di Padova.

Ascolti

Arke Sinth
Arke Sinth (Die Schachtel)

Rassegna

Centrodarte70

Note

Inizia a scrivere e premi Invio per cercare