Centro d’Arte: Musica di oggi 

Da settant’anni le rassegne del Centro d’Arte offrono
occasioni per ascolti intensi, stimolanti, avventurosi

Musica di oggi, senza aggettivi, in continua trasformazione:
ogni concerto sarà una scoperta e una sorpresa

Blog

50/50: Rob Mazurek

La prima parte di Centrodarte18 si chiude sabato 19 maggio con il concerto del quartetto Chicago London Underground. Abbiamo approfittato dell’occasione per creare un nuovo mixtape della serie 50/50, questa volta in collaborazione con il cornettista e compositore Rob Mazurek.

Leggi tutto

Video: Novaga & Pilia “Glimpses of a Day”

Nuovo video online: il 9 marzo scorso abbiamo presentato, alla Sala dei Giganti di Padova, un doppio concerto dedicato alla musica sperimentale. Nel secondo set, Alessandra Novaga e Stefano Pilia hanno presentato in esclusiva “Glimpses of a Day”, un nuovo progetto per due chitarre elettriche fondato su un approccio fisico e gestuale allo strumento diverso da quello convenzionale.

Leggi tutto

Video: Les frères bobine

Nuovo video online: il 9 marzo scorso, alla Sala dei Giganti di Padova, è andato in scena un doppio concerto dedicato alla sperimentazione musicale più innovativa. Protagonisti del primo set Les frères bobine, quartetto elettroacustico che ridefinisce radicalmente i parametri di sviluppo, dinamica, gestualità musicale.

Leggi tutto

SETTANT’ANNI DI GRANDE MUSICA

IL CENTRO D’ARTE DEGLI STUDENTI DELL’UNIVERSITÀ DI PADOVA ESISTE DAL 1945.
È NATO COME ASSOCIAZIONE DI STUDENTI APPOGGIATA DALL’ATENEO
ED È STATA IN ASSOLUTO LA PRIMA DEL GENERE IN ITALIA.

Fin d’allora il Centro d’Arte ha organizzato concerti, regolari stagioni di musica da camera che, insolitamente per i tempi, comprendevano il jazz e la musica più attuale: negli anni 50 e 60 suonano a Padova Lennie Tristano, il Modern Jazz Quartet, Chet Baker, Thelonious Monk accanto a David Tudor e Karlheinz Stockhausen. A partire dagli anni 70 il Centro d’Arte inaugura la prima rassegna stagionale di jazz in Italia (rimarrà l’unica per molti anni), quando dappertutto si organizzavano soltanto festival, e una serie di musica contemporanea unica nel suo genere, che rimescolava i generi e proponeva le musiche del momento: Terry Riley, Dieter Schnebel, George Lewis, Morton Feldman, Frederic Rzewski, David Behrman, John Zorn… questi e molti altri musicisti sono passati per Padova grazie al Centro d’Arte, suonando in tendoni da circo, teatri, club e sale cinquecentesche…